Siamo partigiani della Terra

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Trascrivo il testo di un giovane militante della lista di Liberi e Uguali del Trentino, pubblicata sulla newsletter.

Ciò che è avvenuto in Trentino in questo fine ottobre, conferma lo straordinario impatto che una singola specie, quella umana, ha nei confronti di tutti i sistemi naturali della Terra da cui deriviamo e dipendiamo e rimarca ancora una volta -se ce ne fosse bisogno- che la natura è sostanzialmente incontrollabile.

Mia Immagine

Il Trentino ha reagito con la forza che gli è propria da sempre, mettendo in moto una macchina di aiuto e soccorso davvero invidiabile. È grazie ai tantissimi volontari, volontarie e dipendenti di Vigili del Fuoco, Protezione Civile e servizi di soccorso se ancora una volta abbiamo limitato per quanto possibile i danni.

Tuttavia tragedie come quella di Dimaro ci ricordano che per quanto si riesca a controllare alcune fonti di pericolo, altre sfuggono completamente al nostro controllo. Se i fiumi del Trentino sono rimasti in grandissima parte entro gli argini grazie ad un attento uso coordinato di dighe, opere di presa e di contenimento, dall’altra parte i versanti, indeboliti dalla pioggia, hanno ceduto in svariati punti causando frane e colate. Eventi come quelli di questi giorni ci devono far riflettere essenzialmente su due cose, ben evidenziate nel programma di LeU del Trentino: il problema del riscaldamento globale con il rischio che eventi come questo diventino sempre più frequenti e l’assoluta necessità di bloccare il consumo di suolo per edilizia e grandi opere.  Sì, perché approvare e costruire grandi opere significa anche rettificare fiumi e denudare versanti. I fiumi rettificati sono inclini ad esondare a monte, a valle e su tutto il tratto rettificato e necessitano di ingenti opere di contenimento non sempre realizzabili e che non garantiscono la sicurezza di chi vive vicino al fiume. I versanti denudati risultano indeboliti ed è quindi facile che cedano dando vita ad incontrollabili colate di fango.

Purtroppo le azioni e le scelte politiche, industriali e di governo del territorio messe in atto negli ultimi 150 anni non hanno posto come prioritario il rispetto delle leggi ecosistemiche e stanno modificando i sistemi biofisici della Terra e la chimica e la climatologia dell’atmosfera e degli oceani, mettendo in grave pericolo la nostra stessa sopravvivenza.

Diventano sempre più necessari interventi, rapidi e concreti, non solo di mitigazione ma soprattutto di trasformazione e riconversione. Le risorse, le scoperte scientifiche e le pratiche tecnologiche ci sono, sarebbe sufficiente attuarle per realizzare modelli economici alternativi che disaccorpino la ricchezza e il benessere dal consumo delle risorse.

E’ urgente avviare un processo che azzeri il contributo che tutti gli Stati afferenti al G20 promuovono in sussidi alle produzioni di carburanti fossili, attualmente pari a 452 miliardi di dollari. L’onere per le casse dello Stato italiano è oggi di 14,7 miliardi euro, un capitale che dovrà essere convertito per generare lavoro nella prospettiva di tutela del capitale naturale e paesaggistico, degli ecosistemi, della biodiversità presente nel nostro straordinario Paese.

È urgente, in questo trentino devastato dagli elementi:

  • continuare ad opporsi ad una urbanistica selvaggia e ad un incremento smisurato del consumo di suolo, bene non rinnovabile;
  • fermare immediatamente le concessioni per l’abbattimento di alberi per edilizia e riscaldamento;
  • trasformare la tragedia in opportunità, pensando all’assunzione da parte dell’istituzione provinciale di personale per la raccolta e lo stivaggio dell’enorme mole di legname, rendendola utilizzabile;
  • impedire in questo modo un crollo del costo del legname;
  • promuovere la filiera della bioedilizia, delle case clima, sfruttando in pieno la risorsa di cui sopra.

Liberi e Uguali del Trentino

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Prev 1 of 63 Next
Prev 1 of 63 Next