Controvento…

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti, agevolazioni, annunci e post gratutiti

Mia Immagine

«Ci sarà anche vento forte a Budoni e noi dovremmo farci trovare pronti in una partita molto importante che l’Avellino deve provare a vincere a tutti i costi»: l’unica preoccupazione per il nuovo tecnico della Calcio Avellino SSD arriva dalle condizioni climatiche. Per il resto Giovanni Bucaro appare molto sicuro della prestazione che il suo nuovo gruppo saprà reagire da grande squadra alla sconfitta mortificante di sette giorni fa contro il Trastevere.

Con il cambio tecnico in panchina, la società ha lanciato un segnale forte alla squadra che nelle prossime ore potrebbe subire delle variazioni in vista delle operazioni di mercato in entrata ed in uscita che già sono cominciate. Chi vuole continuare ad indossare la casacca biancoverde e sfruttare un’occasione, che nella vita sportiva di un calciatore non capita tante volte, deve meritarselo. E così chi scenderà in campo contro la compagine sarda dovrà dare il massimo e puntare all’unico obiettivo possibile: la vittoria.

Mister Bucaro che in soli tre giorni poteva stravolgere ben poco ha lavorato in continuità con il suo predecessore. Squadra in campo con il 4-4-2 ma con un paio di novità indicative: il centrocampista Gennaro Acampora non risulta nella lista dei convocati per scelta tecnica e Ettore Lagomarsini probabilmente per la prima volta dall’inizio del campionato non difenderà i pali per una questione di under obbligatori in campo. Non faranno parte della truppa in viaggio per la sardegna Scarf, Ventre, Mikhaylovskiy, Urbanski, Totaro, Tompte (febbre), Capitanio (febbre), Parisi (squalificato).

L’Avellino, dunque, dovrebbe scendere in campo con il seguente undici: il giovane Pizzella tra i pali. Linea a quattro con Patrignani, Morero, Dondoni e Mithra. A centrocampo spazio a Di Paolantonio, Matute, Gerbaudo e Tribuzzi. In attacco Mentana sembra una scelta obbligata, sempre per la questione under, e al suo fianco ci sarà uno tra De Vena e Sforzini.

Con il Trastevere che non perde un colpo, liquidato anche l’Sff Atletico nell’anticipo del sabato, l’Avellino deve assolutamente battere i Budoni per non creare altro divario verso la vetta della classifica che, considerando la partita da recuperare della squadra laziale, rischia di essere incolmabile. L’Avellino deve essere più forte del Budoni, più forte delle avversità, siano essere condizionate dal vento forte che da partite storte. In breve serve un Avellino che vada a 100 km/h, anche controvento.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti, agevolazioni, annunci e post gratutiti

Mia Immagine