Prestiti personali: Prima di richiedere un prestito online o in filiale è importante documentarsi su come funzionano i prestiti personali, su quali sono i requisiti di accesso a questa tipologia di finanziamenti.

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Tante volte, è difficile trovare un prestito personale che si adatti alle nostre esigenze, è davvero quasi impossibile, riuscire comunque a scegliere tra i mille e mille prestiti che ci vengono proposti.

Ecco perchè, molto spesso ci ritroviamo su internet a cercare e ricercare delle guide che ci possano aiutare, in questo nostro viaggio nel mondo dei finanziamenti.

Mia Immagine

Abbiamo pensato di raggruppare per voi, tutti quelli sicuramente più richiesti, dalle spese mediche ai prestiti per i viaggi, passando poi a quelli per soggetti protestati a quelli senza busta paga.

Prestito personale:
Un prestito personale è un erogazione di denaro, da un istituto di credito, verso un soggetto che ne abbia fatto regolare richiesta e che sia in possesso di tutti i requisiti adatti per ottenerlo.

Questi requisiti o garanzie ovviamente possono variare a seconda del prestito che si va a richiedere.

Tante volte, è difficile trovare un prestito personale che si adatti alle nostre esigenze, è davvero quasi impossibile, riuscire comunque a scegliere tra i mille e mille prestiti che ci vengono proposti.

Ecco perchè, molto spesso ci ritroviamo su internet a cercare e ricercare delle guide che ci possano aiutare, in questo nostro viaggio nel mondo dei finanziamenti.

Abbiamo pensato di raggruppare per voi, tutti quelli sicuramente più richiesti, dalle spese mediche ai prestiti per i viaggi, passando poi a quelli per soggetti protestati a quelli senza busta paga.

Da piccoli importi a importi più importati, mettetevi comodi e gustatevi la nostra guida sui prestiti personali.

Prestito personale:
Un prestito personale è un erogazione di denaro, da un istituto di credito, verso un soggetto che ne abbia fatto regolare richiesta e che sia in possesso di tutti i requisiti adatti per ottenerlo.

Questi requisiti o garanzie ovviamente possono variare a seconda del prestito che si va a richiedere.

I prestiti sono solitamente suddivisi per categoria, si parte dai prestiti senza busta paga a quelli a fondo perduto, passando per altri numerosi finanziamenti.

Prestiti per protestati:

La prima categoria che andiamo ad esaminare quest’oggi sono i prestiti per protestati, anzitutto parliamo un pò dei soggetti protestati.

Chi è il protestato?

Il protestato è una persona fisica, che ha subito un protesto, cioè viene considerato un cattivo pagatore dalle banche.

Molte volte, capita di non riuscire a pagare una rata di un finanziamento, questo perchè capita di avere delle difficoltà, ed è per questo che le banche ci considerano dei cattivi pagatori.

Una volta entrati in questa categoria, difficilmente riusciremo ad ottenere altri finanziamenti.

Infatti, i protestati vengono iscritti ad un registro, chiamato Registro Informatico dei Protestati, consultabile da chiunque proprio per poter valutare l’effettiva situazione finanziaria di un soggetto, con il quale, magari dobbiamo concludere un determinato affare.

I prestiti personali possono essere molto differenti fra loro, ed è per questo che ne esistono diversi, di diverse tipologie.

Tra tanti, quello che più viene richiesto, e che negli ultimi anni, anche a causa di fattori esterni ha preso il sopravvento è sicuramente la categoria dei prestiti senza busta paga.

Ma andiamo per ordine e cerchiamo di analizzare questa categoria, capire anche a chi è indirizzata e quali sono le categorie di soggetti che potrebbero essere interessati ad un prestito senza busta paga.

Prestito senza busta paga:

Questa categoria di prestiti sono indirizzati, anzitutto a chi non ha un reddito dimostrabile, quindi non hanno una regolare busta paga, oppure, molto più semplicemente non hanno un lavoro stabile, e quindi in realtà non potrebbero richiedere un finanziamento.

Quando entriamo in una banca a richiedere un prestito, sicuramente tra i primi requisiti che ci vengono richiesti, troviamo la presenza di un reddito stabile e dimostrabile, in assenza di esso difficilmente potremo ottenere dagli istituti di credito una certa somma di denaro, un prestito quindi.

Quindi cosa bisogna fare in assenza di un titolo che dimostri il nostro reddito?

Non preoccupatevi, è ugualmente possibile richiedere un prestito personale, anche se non si ha un lavoro stabile e anche se non si ha in mano una busta paga.

C’ è da aggiungere che trattandosi di prestiti che non hanno una garanzia così importante, si tratterà di piccoli prestiti personali, quindi piccole cifre ma che comunque potrebbero aiutare molto a chi lo richiede.

Le garanzie per un prestito senza busta paga, quali sono in realtà?

La risposta è molto semplice, se decidiamo di richiedere un prestito senza busta paga, dovremo comunque trovare qualcuno disposto a farci da garante.

Solitamente il garante, infatti, è ricercato proprio tra un parente più stretto, in modo da poter comunque contare su di lui.

I soggetti protestati, molte volte, difficilmente riusciranno ad ottenere un altro prestito dalle banche, proprio perchè nel corso degli anni anni hanno magari subito un protesto, cioè sono stati considerati dei cattivi pagatori, e quindi con difficoltà sono riusciti, ad esempio a concludere il rimborso di alcune rate di un finanziamento.

Questi poi, sono stati iscritti al Registro Informatico dei Protestati, un registro nel quale vengono inseriti i nominativi di coloro che vengono considerati dalle banche dei cattivi pagatori, questi registri sono liberamente consultabili da chiunque e servono proprio per capire e per comprendere la situazione economica e finanziaria di un soggetto, ad esempio se dobbiamo concordare un determinato affare con la persona in questione.

Ma quali e quante sono allora, le possibilità per richiedere un prestito personale se si è considerati dei cattivi pagatori dalle banche?

Ovviamente la risposta è davvero molto semplice, esistono ben due possibilità per ottenere un prestito personale anche se si è protestati, queste due possibilità sono sicuramente quelle più conosciute.

Tante volte, è difficile trovare un prestito personale che si adatti alle nostre esigenze, è davvero quasi impossibile, riuscire comunque a scegliere tra i mille e mille prestiti che ci vengono proposti.

Ecco perchè, molto spesso ci ritroviamo su internet a cercare e ricercare delle guide che ci possano aiutare, in questo nostro viaggio nel mondo dei finanziamenti.

Abbiamo pensato di raggruppare per voi, tutti quelli sicuramente più richiesti, dalle spese mediche ai prestiti per i viaggi, passando poi a quelli per soggetti protestati a quelli senza busta paga.

Da piccoli importi a importi più importati, mettetevi comodi e gustatevi la nostra guida sui prestiti personali.

Prestito personale:
Un prestito personale è un erogazione di denaro, da un istituto di credito, verso un soggetto che ne abbia fatto regolare richiesta e che sia in possesso di tutti i requisiti adatti per ottenerlo.

Questi requisiti o garanzie ovviamente possono variare a seconda del prestito che si va a richiedere.

I prestiti sono solitamente suddivisi per categoria, si parte dai prestiti senza busta paga a quelli a fondo perduto, passando per altri numerosi finanziamenti.

Prestiti per protestati:

La prima categoria che andiamo ad esaminare quest’oggi sono i prestiti per protestati, anzitutto parliamo un pò dei soggetti protestati.

Chi è il protestato?

Il protestato è una persona fisica, che ha subito un protesto, cioè viene considerato un cattivo pagatore dalle banche.

Molte volte, capita di non riuscire a pagare una rata di un finanziamento, questo perchè capita di avere delle difficoltà, ed è per questo che le banche ci considerano dei cattivi pagatori.

Una volta entrati in questa categoria, difficilmente riusciremo ad ottenere altri finanziamenti.

Infatti, i protestati vengono iscritti ad un registro, chiamato Registro Informatico dei Protestati, consultabile da chiunque proprio per poter valutare l’effettiva situazione finanziaria di un soggetto, con il quale, magari dobbiamo concludere un determinato affare.

I prestiti personali possono essere molto differenti fra loro, ed è per questo che ne esistono diversi, di diverse tipologie.

Tra tanti, quello che più viene richiesto, e che negli ultimi anni, anche a causa di fattori esterni ha preso il sopravvento è sicuramente la categoria dei prestiti senza busta paga.

Ma andiamo per ordine e cerchiamo di analizzare questa categoria, capire anche a chi è indirizzata e quali sono le categorie di soggetti che potrebbero essere interessati ad un prestito senza busta paga.

Prestito senza busta paga:

Questa categoria di prestiti sono indirizzati, anzitutto a chi non ha un reddito dimostrabile, quindi non hanno una regolare busta paga, oppure, molto più semplicemente non hanno un lavoro stabile, e quindi in realtà non potrebbero richiedere un finanziamento.

Quando entriamo in una banca a richiedere un prestito, sicuramente tra i primi requisiti che ci vengono richiesti, troviamo la presenza di un reddito stabile e dimostrabile, in assenza di esso difficilmente potremo ottenere dagli istituti di credito una certa somma di denaro, un prestito quindi.

Quindi cosa bisogna fare in assenza di un titolo che dimostri il nostro reddito?

Non preoccupatevi, è ugualmente possibile richiedere un prestito personale, anche se non si ha un lavoro stabile e anche se non si ha in mano una busta paga.

C’ è da aggiungere che trattandosi di prestiti che non hanno una garanzia così importante, si tratterà di piccoli prestiti personali, quindi piccole cifre ma che comunque potrebbero aiutare molto a chi lo richiede.

Le garanzie per un prestito senza busta paga, quali sono in realtà?

La risposta è molto semplice, se decidiamo di richiedere un prestito senza busta paga, dovremo comunque trovare qualcuno disposto a farci da garante.

Solitamente il garante, infatti, è ricercato proprio tra un parente più stretto, in modo da poter comunque contare su di lui.

I soggetti protestati, molte volte, difficilmente riusciranno ad ottenere un altro prestito dalle banche, proprio perchè nel corso degli anni anni hanno magari subito un protesto, cioè sono stati considerati dei cattivi pagatori, e quindi con difficoltà sono riusciti, ad esempio a concludere il rimborso di alcune rate di un finanziamento.

Questi poi, sono stati iscritti al Registro Informatico dei Protestati, un registro nel quale vengono inseriti i nominativi di coloro che vengono considerati dalle banche dei cattivi pagatori, questi registri sono liberamente consultabili da chiunque e servono proprio per capire e per comprendere la situazione economica e finanziaria di un soggetto, ad esempio se dobbiamo concordare un determinato affare con la persona in questione.

Ma quali e quante sono allora, le possibilità per richiedere un prestito personale se si è considerati dei cattivi pagatori dalle banche?

Ovviamente la risposta è davvero molto semplice, esistono ben due possibilità per ottenere un prestito personale anche se si è protestati, queste due possibilità sono sicuramente quelle più conosciute.

La prima è la cessione del quinto dello stipendio di un soggetto che desidera richiedere un prestito personale, questa è sicuramente l’opzione più conosciuta di tutte, quella sicuramente più famosa.

La seconda è il prestito cambializzato.

Ma andiamo per ordine e andiamole ad esaminare entrambe per capire quale possa più fare al caso nostro, nel caso in cui dovessimo già essere o diventare in futuro dei soggetti protestati.

Cessione del quinto:

Come dice la stessa parola, significa cedere un quinto dello stipendio oppure della pensione, se ovviamente siamo già pensionati, la durata è solitamente di 10 anni, ma questo potrebbe anche variare, questo prestito è realizzato appositamente per chi possiede una regolare busta paga, quindi per i lavoratori dipendenti, non ha importanza se siano pubblici o privati.

Prestito cambializzato:

La seconda possibilità, è sicuramente quella meno frequente, la somma di denaro, viene erogata, senza bisogno di specificare il motivo esatto per il quale stiamo richiedendo il prestito, il rimborso avviene tramite delle cambiali che dovremo necessariamente pagare ogni mese.

Il pro di questa tipologia di prestito è comunque che è molto più accessibile rispetto agli altri.

Un’altra tipologia di prestito, che negli ultimi anni ha sicuramente preso piede nel vasto mondo dei finanziamenti è quella dedicata alle Carte Revolving, una tipologia di carte che all’apparenza potrebbe sembrare una carta prepagata, ma in realtà non lo è, andiamo allora a vedere e a scoprire meglio quello che riguarda il mondo delle carte Revolving.

Anzitutto, c’è da dire che una volta fatta richiesta alla nostra banca, di una carta Revolving, e quindi una volta ottenuta la carta vera e propria, avremo a disposizione una somma di denaro, che potremo utilizzare quindi, per poter far fronte alle nostre spese, questa tipologia di carta è valida sia per i pagamenti in negozio, quindi se decidiamo di pagare in un qualsiasi negozio, un pò come le carte di credito, oppure può essere utilizzata anche per lo shopping online, che ultimamente sta prendendo sempre più piede nella nostra vita quotidiana.

Il rimborso di quanto speso, una volta calcolato, verrà rimborsato con delle rate.

La carta Revolving quindi ha la stessa funzionalità di una carta prepagata, con la differenza che però gli acquisti pagati con queste carte, possono essere fatti senza limitazioni, quindi non ci sarà all’interno un vero e proprio saldo, ovviamente quanto speso dovrà poi essere rimborsato a rate, all’istituto di credito.

Una volta attivata la carta, possiamo quindi recarci in un qualsiasi negozio e pagare, come se fosse una vera e propria carta di credito.

Una volta effettuato il pagamento però, la ricevuta dovrà essere firmata dal titolare della carta, infatti è molto personale, soltanto il titolare della carta, cioè l’intestatario del conto, potrà fare acquisti.

Richiedere una carta Revolving è semplice, basterà recarci nell’istituto di credito che preferiamo, o dove già abbiamo aperto un conto corrente.

Ovviamente, gli acquisti dovranno essere fatti in modo molto responsabile, per non avere poi brutte sorprese.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Prev 1 of 82 Next
Prev 1 of 82 Next