“CI AVETE TRADITO”: IL 23 MARZO IN PIAZZA A ROMA I DELUSI DEL M5S

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

TUTTI I MOVIMENTI AMBIENTALISTI CHE I GRILLINI HANNO BLANDITO, CAVALCATO E TRADITO: NO TAV, NO ILVA, NO TAP, NO TRIV, NO GRANDI NAVI, NO MUOS, NO TTIP

Il paradosso del No è che c’è sempre qualcuno pronto a dire un No ancora più forte. Ma in questa storia i paradossi sono tanti.
Il 23 marzo in piazza, a Roma, ci saranno i No Tav, No Ilva, No Tap, No Triv, No Grandi Navi, No Muos, No Ttip (il Trattato di libero scambio), No Centrale del Mercure, No 106 Jonica megalotto e così via, di conflitto in conflitto, un atlante che comprende piccole grandi lotte ambientaliste che i 5 Stelle hanno corteggiato e sposato per anni. Fino a quando non sono arrivati al governo.
Ebbene, il popolo del No andrà a chiedere conto al Movimento che è arrivato al potere cavalcando quei No, a volte con una carica ancora più radicale.
La parabola è ben descritta da Tommaso Cacciari, portavoce del comitato contro le navi da crociera a Venezia: «I 5 Stelle ci accusavano addirittura di essere troppo moderati. La nostra proposta prevede un avamporto all’ingresso della città dove far attraccare le navi per evitare di farle arrivare fin dentro la Laguna. Per loro invece le navi non dovevano proprio avvicinarsi a Venezia».
E ora? «Tutti muti: dai parlamentari veneziani al ministro Danilo Toninelli. C’è un progetto fermo da 4 anni. E Toninelli si sta comportando come i suoi predecessori».
E così Luigi Di Maio si trova stretto tra chi, complice il caso Tav, dice che il M5S sa dire solo No, e chi lo accusa di non dirlo abbastanza forte, di annacquare le battaglie o di averle tradite.
Non che Di Maio non ci stia provando a cancellare l’immagine del Movimento che sabota opere e infrastrutture.
Al punto che i grillini al governo, accusati di essere i cultori della decrescita felice, sono quelli che parlano di più di pompare la crescita, in nome del dio Pil che Di Maio diceva di voler superare, forte delle teorie economiche a sostegno di altri indici più flessibili nel calcolare il benessere di una nazione. Appunto: i paradossi.
La stella dell’ambiente, una delle cinque del M5S, è rimasta appannata.
Scomparsa dal dibattito sulla Tav, a esclusivo vantaggio di analitiche disamine finanziarie.
Da Beppe Grillo a Di Maio il M5S ha perso la sua anima green, contaminata da rivendicazioni locali, che sognava una democrazia dal basso, dei cittadini.
L’ultima emblematica giravolta è sul Muos, il sistema americano di mega satelliti a Niscemi, Caltanissetta. Un tema caldo in queste ore in cui si ridiscutono i rapporti del governo con Washington.
Come confermano fonti di governo, tutto proseguirà come deve. Solo pochi mesi fa Grillo chiedeva agli Usa: «Portate università non basi militari».
I militati No Muos ancora credevano in una presa di posizione di Di Maio a favore dello smantellamento, annunciata dal consigliere M5S Giampiero Trizzino: «Dopo l’incontro di Conte con Trump abbiamo capito che sarebbe finita come su Tap, Ilva e F35», spiega il portavoce Fabio D’Alessandro: «La ministra Trenta del M5S si è comportata come il Pd».
Niente più lotta contro cementificazione e inquinamento elettromagnetico, a protezione della riserva naturale. «Come in Val Susa molti No Muos hanno votato M5S, preferendolo a partiti come Potere al Popolo perché le chance di andare al governo erano serie». Ma sono proprio le ragioni di governo ad aver prevalso. Solo che questa volta fa più rumore, perché nessuno era mai arrivato a Palazzi Chigi con proposte così radicali, nate sui territori, facendole evaporare in pochi mesi.
Il rosario di delusioni è stampato nel comunicato della marcia: «Il governo ha fatto un’imbarazzante retromarcia su tutte le altre grandi opere devastanti: Tav, Terzo Valico, Tap e la rete Snam, Grandi Navi e Mose a Venezia, Ilva, Muos, Pedemontana Veneta, oltre al tira e molla sul petrolio e le trivellazioni».
Gli ultimi a sperare nel M5S rimasti sono gli attivisti per l’acqua pubblica e della Terra dei Fuochi.
Idealmente, la grande manifestazione nazionale contro le «grandi opere inutili» è associata alla mobilitazione internazionale per il clima della giovane Greta Thunberg. «E’ stato rischioso mettere assieme lotte contro opere così diverse tra di loro – spiega D’Alessandro – Ma lo spirito che ci accomuna va al di là dei No e dell’ideologia Nimby (Not in my back yard). È a favore di un processo decisionale che coinvolga di più le popolazioni dei territori, contro la contrapposizione lavoro-ambiente, a favore di grandi opere ma utili a proteggere le fragilità dell’Italia».
Era quello che prometteva anche il M5S. «Il tradimento presuppone una storia d’amore. La delusione di chi li ha votati è tanta – dice Cacciari – L’imbroglio del M5S non è nelle singole battaglie ma è strutturale: raccontare che bastava cambiare i giocatori e non le regole, che bastava mandare tutti a casa quelli che c’erano prima».

(da “La Stampa”)

Mia Immagine

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Prev 1 of 63 Next
Prev 1 of 63 Next