ZINGARETTI PROCLAMATO SEGRETARIO: “DEVE CAMBIARE TUTTO, SERVE NUOVO PARTITO”

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

GENTILONI ELETTO PRESIDENTE, ZANDA TESORIERE, RENZI MANDA AUGURI

“Serve un nuovo Pd, deve cambiare tutto a cominciare dallo statuto per impedire la salvinizzazione del Paese”.
È il grido di battaglia che il neosegretario Luca Zingaretti lancia dal palco dell’Assemblea del Pd riunita all’hotel Ergife di Roma, dove è stato proclamato ufficialmente segretario dopo la vittoria alle primarie del 3 marzo scorso.
Paolo Gentiloni è stato invece eletto presidente del partito con 86 astenuti e nessun contrario.
Una candidatura, quella dell’ex premier, su cui c’è stata la convergenza anche dei renziani, come annunciato prima dell’inizio dei lavori da Maria Elena Boschi (che ha salutato calorosamente il neosegretario al suo arrivo) e dall’area che fa capo a Guerini e Lotti.
“L’obiettivo è quello di tornare a vincere”, dice Gentiloni ringraziando i presenti per la sua nomina. E nomina vicepresidenti Anna Ascani e Deborah Serracchiani. Luigi Zanda viene invece eletto tesoriere con 83 astenuti.
È partita dunque oggi l’era zingarettiana del Pd, in un’Assemblea affollatissima, forse la più partecipata di sempre con oltre 2.000 persone tra delegati e ospiti, che rispecchia i valori in campo alle primarie con le truppe del neosegretario in netto vantaggio (con il 66 per cento) sull’ex maggioranza renziana.
In camicia azzurra e cravatta blu, Zingaretti viene proclamato segretario da parte del presidente della Commissione Congresso, Gianni Dal Moro, dopo la prammatica lettura dei risultati definitivi delle primarie (votanti: 1.582.083. Martina ha ottenuto 345.318 voti pari al 22%, Zingaretti 1.035.955 pari al 66%, Giachetti 188.355 voti pari al 12%.
I componenti dell’Assemblea sono così suddivisi: 119 membri dalle liste collegate a Giachetti, 228 per l’area Martina, 653 delegati per Zingaretti).
Poi il neosegretario fa un lungo intervento, circa un’ora e un quarto, in cui tocca tutti i punti principali del suo programma per un nuovo Pd.
L’intervento di Zingaretti
“Ricordiamo che oggi 17 marzo si festeggia l’Unità di Italia  – esordisce Zingaretti – un augurio al Paese che amiamo e per il quale lottiamo. Ora dobbiamo muoverci. Insieme, io mi auguro, dobbiamo metterci di nuovo in cammino”.
“Non è in gioco solo il governo ma le fondamenta irrinunciabili della nostra comunità politica”, continua il segretario dem. “Il Paese è bloccato e sta decadendo. Il pil è fermo – prosegue – nel prossimo autunno ci sarà bisogno di una manovra di decine di miliardi di euro e sarà drammatica”.
“Su tutte le questioni più urgenti – osserva ancora- abbiamo un governo che pronuncia solo degli imbarazzanti ‘ni’ con un fraseologia tipica della prima Repubblica. L’Italia è un grande paese che non si governa con i ‘ni’, non si governa con l’immobilismo”.
“Dobbiamo rimettere al centro la persona umana –  continua Zingaretti –  come hanno fatto le ragazze e i ragazzi scesi in piazza per il clima. Serve più riformismo per affrontare il futuro. Dobbiamo rimettere al centro la giustizia sociale, perché la lotta alla povertà è la condizione per stare meglio tutti”. Altro obiettivo è “ricostruire una classe dirigente italiana. Mettiamoci alle spalle le contese sugli equilibri interni, avviamo una dialettica nuova tra le componenti. Non dobbiamo più neppure lambire una politica lontana dalla vita”.
I quattro pilastri
Quattro sono i pilastri del nuovo Pd di Zingaretti: “In primo luogo le infrastrutture materiali: serve un grande piano per un’Italia più sicura ma anche più rispettosa dell’ambiente. Perché solo con una svolta green si può tornare a produrre ricchezza. La riconversione ecologica dell’economia è il futuro. L’Italia deve contribuire all’obiettivo di emissioni zero in Europa”.
Il secondo pilastro sono le infrastrutture immateriali, la Rete: “Serve un grande piano per rilanciare innovazione e sapere e superare il digital divide”.
Terzo è l’infrastruttura della conoscenza: “Investire sulla scuola e sull’istruzione pubblica come architrave di un’ampia operazione di crescita culturale”.
Quarto, infine, è il welfare e la sanità: “Non crediamo nella monetizzazione del welfare, ci batteremo per la sanità pubblica promuovendo quota 10, ossia un incremento di 10 miliardi per aumentare i livelli di assistenza e assumere 100mila nuovi operatori nella sanità pubblica italiana. La vera priorità di questa epoca è il lavoro, in tutto il Paese ma soprattutto nel Mezzogiorno”.
Cambiare tutt
Zingaretti poi spiega come dovrà cambiare il Pd: “Dobbiamo cambiare tutto, penso a un nuovo statuto da scrivere insieme. Credo in un partito aperto e pluralista, aperto al civismo e al volontariato, basta con il correntismo esasperato che ha lasciato fuori troppe persone. A noi serve un Pd forte ma anche una rete di corpi intermedi. Dobbiamo costruire un campo democratico largo più allargato e inclusivo, senza settarismi. Potranno farne parte anche forze diverse, forze civiche ma anche di orientamento liberale, persino nobilmente conservatrici che sono ugualmente lontane da Salvini”. Insiste sul movimento ambientalista di Greta Thunberg: “Spalanchiamo le porte del nostro partito a questa nuova generazione, ai ragazzi come Greta, non abbiamo paura di coinvolgerli”.
Più attenzione anche alle donne: “Abbiamo bisogno di un protagonismo delle donne, già da domani e nelle prossime settimane avvierò le procedure per ricostituire la Conferenza nazionale delle donne democratiche”. E critica la conferenza sulla famiglia in programma a Verona, a cui parteciperà anche Matteo Salvini, ricevendo una standing ovation dalla sala.
Quanto alle europee, Zingaretti conferma che la collocazione del Pd sarà nel gruppo dei socialisti e democratici, “grazie alla scelta di Matteo Renzi, che ha sciolto (quando era segretario, ndr) il nodo della nostra collocazione”.
E aggiunge: “Vi propongo la nostra prima iniziativa. Facciamo nostro e rilanciamo l’appello lanciato da Romano Prodi di fare del 21 marzo una giornata per la nuova Europa, esponendo la bandiera europea”.
Matteo Renzi, assente invece per motivi privati, manda un augurio al neosegretario su Facebook: “Oggi Nicola Zingaretti inizia il suo lavoro come Segretario Nazionale del Pd. Un abbraccio a lui e a tutta la squadra che lavorerà con lui. L’Italia si aspetta dal Pd una risposta allo sfascio di Salvini e Di Maio, non più polemiche interne. Avanti tutta! Buon lavoro, Nicola”§
I candidati delle altre mozioni
Forti le frecciate di Roberto Giachetti ai bersaniani che hanno lasciato il Pd. “Saremo una minoranza leale, non faremo guerra a questa dirigenza. Ma chiedo a Zingaretti di non cambiare lo Statuto nel punto del doppio incarico del segretario che è anche candidato premier”.
“Questo è un partito, non una ‘baracca’ – sottolinea invece Maurizio Martina – Siamo pronti a dare una mano, saremo una minoranza, non un’opposizione. Vogliamo dare il senso del riformismo radicale che abbiamo messo nella nostra mozione”. E aggiunge: “Non lascerei mai la battaglia del salario minimo a questa maggioranza di governo”, ha poi detto Martina rivolto a Zingaretti, ribadendo che “il mio avversario è questa destra, non è dentro questa sala. Il Pd se vuole essere grande deve essere plurale”.

(da agenzie)

Mia Immagine

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Prev 1 of 63 Next
Prev 1 of 63 Next